Tu non lo sai, non sai quante volte ho sperato di incrociare per caso il tuo sguardo in mezzo alla folla. E oggi, oggi che è capitato, che i nostri occhi si sono finalmente incontrati, i miei sono fuggiti via. Non ce l’hanno fatta.
Ma dimmi, ti prego dimmi che se avessi continuato a guardarti mi avresti sorriso.
Mi avresti sorriso, non è così?
Jessica Makheal (via rumoredeibaciavuoto)
Ciao, mi manchi da morire e sto male senza te, volevo solo dirti che.
No, fa schifissimo bene, ricominciamo.
Ciao! E’ da tanto che non ci sentiamo, come stai?
No, ma ti senti..è orribile.
Hey.
No, suonerebbe meglio un calcio nel culo.
Cristo, non so come iniziare, ogni lettera di questo telegramma della mia anima mi costa un pezzo di cuore.
Fa male camminare sul marciapiede e sentirsi rotto contro l’asfalto.
Fa male alzare gli occhi al cielo mentre piove e accorgersi che c’è più acqua negli occhi che nelle nuvole.
Perché sto dicendo tutto ciò?
Non dovevo iniziare con lo scriverti qualcosa..beh,
non lo ricordo più.
Sono stanco dei ricordi, ci aggrappiamo ai ricordi quasi fossero l’ultimo maledetto appiglio di questa vita.
Ed io mi aggrappo ai ricordi perché ho paura di cadere nel vuoto che hai rimasto dentro di me.
No, sto sbagliando tutto, non dovevo mostrarmi debole, non dovevo mostrarmi così a pezzi.
Gesù scusa, sto rovinando tutto.
Ecco, dovevo sorridere ancora, dire di star bene e fissarti le labbra mentre mordo le mie perché altrimenti ti bacerei e non starebbe bene.
Ora stai con un altro, ti fa felice lui?
Ricominciamo tutto da capo, forse è meglio.
Non ho il coraggio di cancellare, la penna si blocca all’inizio del rigo così come lacrime negli angoli degli occhi.
Non ho mai visto un uragano tanto forte attraversarmi, distrugge e costruisce allo stesso tempo, e ti dedico i miei guai con queste parole perché sai che senza te a stringermi la mano, di notte, al buio, c’è il pizzo di cuscino bagnato.
Non chiedermi perché ti scrivo, avevo bisogno di dirlo a qualcuno.
Non so più come ricominciare, e non il testo. Non so più come ricominciare a vivere, ogni mattina a vederti è una spina che mi entra nella mano, quella che afferravi tu prima di iniziare a correre perché non siamo mai stati normali e ci completavamo quando riempivi gli spazi delle mie dita, sì, quegli spazi che sono stati creati per te, e solo te.
Un passo avanti ancora, spero di non desiderare di cancellare tutto, tanto tu non leggerai mai tutto ciò, non è vero?
Sto male senza di te, sto malissimo, sono a pezzi, no, che dico, altroché a pezzi.
Ti prego ritorna.
No, non ritornare, mi faresti solo altro male.
Ti rende felice lui?
Cosa cazzo sto scrivendo dio.
Non temere, io ti amo ancora, io ti amerò per altri duemila anni davvero, sempre.
Ci muoio ogni giorno, altro che spina,quando ti vedo tutto un carro armato mi entra dentro.
Sei una guerra che porta pace, e non sai quanto vali.
Dovresti provare a vederti coi miei occhi sai?
Ma io non avevo iniziato questo testo cercando di scriverti.
Dio, non mi va mai nulla bene.
E’ stancante arrancare giorno per giorno cercando di compensare il vuoto che mi resta di te.
Non si compensa con nulla.
Se avessi saputo che sarebbe andata così uno schifo ti avrei stretto più forte quel giorno, ti avrei detto che in qualsiasi modo sarebbe andata quello che ti avrebbe amata di più sarei stato io, lei avrei detto che non doveva piangere se fosse accaduto qualcosa, che doveva essere forte perché il suo amore mi salvava e mi salva, il nostro amore mi salva tutti i giorni.
Ecco, ho trovato le parole per iniziare.
Ciao amore mio, il tuo amore mi salvava e mi salva tutti i giorni.
Non ci sei più, ora sei sua, non sei mia, ma mi salvi.
Come fai?
Quei magnifici occhi verdi.
Ecco, ho quasi finito.
Vorrei lasciare questo mondo.
Un altro passo ancora.
Ciao amore mio, io voglio ancora sposarti.
Non ho mai scherzato quando lo dicevo, non ho mai detto bugie.
Mai le dirò.
Ciao tesoro, ciao davvero…vorrei tanto fosse l’ultimo addio, non lo sarà mai.
Sei il mio addio.
L’addio che ritorna.
Ogni sera, quando il letto è freddo e tu non ci sei.

Davide Avolio

www.deathlifeangel.tumblr.com

(via deathlifeangel)